Home / Calcio / La rabbia di Ranieri dopo l’esonero shock: ‘Hanno ucciso il mio sogno…’

La rabbia di Ranieri dopo l’esonero shock: ‘Hanno ucciso il mio sogno…’

L’esonero shock di Claudio Ranieri che da ieri non è più l’allenatore del Leicester ha fatto il giro del mondo, sollevando critiche da parte degli addetti ai lavori e dai colleghi del tecnico romano, che ha ricevuto attestati di stima e solidarietà da ogni latitudine. Claudio Ranieri ha affidato ad una missiva indirizzata ai tifosi della squadra con la quale ha vissuto il sogno dello scudetto lo scorso anno, tutta la propria delusione per il trattamento ricevuto dalla sua ormai ex squadra.

Lo ha fatto con la consueta classe, senza alzare i toni ma in modo assai sentito e con parole profonde: ‘Ieri il mio sogno è morto – ha scritto Ranieri nella sua lettera – il mio sogno era quello di rimanere qua dopo l’euforia della vittoria in Premier League. E’ il club che amerò per sempre ma tristemente non resterò. La mia è stata un’avventura incredibile. Devo ringraziare mia moglie Rosanna e la mia famiglia per il supporto incessante che mi hanno garantito durante la mia permanenza a Leicester. Questa avventura resterà dentro di me per sempre. Nessuno mi porterà via ciò che abbiamo conquistato insieme. E’ stato un onore diventare campione insieme a voi’.

Ranieri aveva firmato proprio alla fine della scorsa stagione il prolungamento del contratto fino al 2020 con adeguamento dell’ingaggio a 5 milioni di euro. Da oggi è un tecnico libero. L’antico vezzo di scaricare sugli allenatori le responsabilità di una stagione storta ha varcato anche la Manica. Fino a ieri era opinione diffusa che fosse solo una prerogativa del calcio nostrano.

About Redazione

Check Also

Serie A, vincono Napoli e Juventus: torna al successo il Benevento

Il Napoli si riprende la prima posizione in classifica battendo con qualche difficoltà la Spal …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *