Home / Calcio / Serie A, Inter-Lazio 0-0: pari e spettacolo a San Siro nel posticipo

Serie A, Inter-Lazio 0-0: pari e spettacolo a San Siro nel posticipo

Finisce a reti bianche Inter-Lazio uno dei match clou dell’ultima giornata di andata del massimo campionato. I nerazzurri continuano a bere il calice amaro dell’astinenza dal gol, mentre la Lazio si dimostra squadra tosta, ma pecca di cinismo sotto porta, mancando l’opportunità del colpaccio. A condurre il gioco, per larghi tratti, ci pensa la Lazio che impegna Handanovic severamente. Nella ripresa esce fuori l’Inter che sfiora la rete in diverse occasioni, con Strakosha bravo in alcune circostanze ad opporsi ad alcune ghiotte opportunità costruite dai padroni di casa.
I biancocelesti recriminano per un rigore prima concesso da Rocchi ma poi negato dopo aver consultato il Var. Skriniar devia col piede un pallone che poi rimbalza sul braccio. Nel finale è Felipe Anderson, entrato nella ripresa, a costruire la migliore chance da gol, costringendo Handanovic agli straordinari. Finisce 0-0, ma i tifosi accorsi al Meazza non si sono di certo annoiati. L’Inter conserva la terza piazza in classifica mantenendo inalterato il vantaggio in classifica sui biancocelesti.

INTER (4-2-3-1): Handanovic; Cancelo (37’ st Dalbert), Skriniar, Ranocchia, Santon; Vecino, Gagliardini; Candreva (28’ st Joao Mario), Borja Valero (40’ st Brozovic), Perisic; Icardi. A disposizione: Padelli, Berni, Nagatomo, Lombardoni, Karamoh, Eder, Pinamonti. Allenatore: Spalletti
LAZIO (3-5-2): Strakosha; Bastos, de Vrij, Radu; Marusic, Parolo, Leiva, Milinkovic-Savic (38’ st Nani), Lulic (13’ st Lukaku); Luis Alberto (20’ st Felipe Anderson); Immobile. A disposizione: Guerrieri, Vargic, Patric, Wallace, Basta, Luiz Felipe, Murgia, Jordao, Neto. Allenatore: Inzaghi
ARBITRO: Rocchi di Firenze

About Redazione

Check Also

La Fifa potrebbe bloccare il mercato del Chelsea: lo scandalo del tesseramento dei minorenni

Il grido d’allarme della Fifa potrebbe profilare un vero e proprio scandalo che riguarda uno …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *