Home / Calcio / L’assurda politica dei prezzi al San Paolo di Napoli manda su tutte le furie la tifoseria

L’assurda politica dei prezzi al San Paolo di Napoli manda su tutte le furie la tifoseria

La querelle sui prezzi della partite allo Stadio San Paolo è destinata a prolungarsi ancora per i prossimi mesi. Una analisi condotta dalla Gazzetta dello Sport e pubblicata nell’edizione odierna ha evidenziato il malumore degli abbonati per la politica dei prezzi giudicata ‘schizofrenica’ adottata dalla società di De Laurentiis.

Alla vigilia della sfida interna contro l‘Udinese, il Napoli ha deciso di dare il via ad una ulteriore promozione con prezzi popolari per incentivare la presenza allo stadio. Nonostante questa decisione, sembra che il pienone non ci sarà comunque. Sono previsti al massimo 35 mila spettatori, nonostante il Napoli di oggi sia davvero un gran spettacolo sul campo, dopo la pioggia di reti segnata in questo campionato.

I tifosi napoletani sono sul piede di guerra per gli alti prezzi della campagna abbonamenti. Le tessere di Tribuna Posillipo sono state vendute al prezzo di 1.500 euro mentre la somma dei 16 biglietti per vedere le partite giocate in casa assomma a 870 euro. Anche la politica dei prezzi ridotti sembra fare acqua da tutte le parti. Oggi un bambino di 4 anni paga lo stesso prezzo di un adulto, un paradosso che la società dovrà chiarire per rinsaldare il rapporto con i propri fedelissimi.

About Redazione

Check Also

Champions League, Roma sconfitta in Ucraina per 2-1: Under ancora in gol

Roma bella solo a metà nella gara di andata a Karkhiv contro lo Shaktar Donetsk. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *