Home / Calcio / Juventus campione d’Italia: trentaduesimo scudetto della storia, il quinto consecutivo

Juventus campione d’Italia: trentaduesimo scudetto della storia, il quinto consecutivo

[vc_row][vc_column width=”2/3″][vc_column_text]juventusHanno festeggiato lo scudetto in poltrona cosi come un tifoso qualunque, dirigenti, giocatori e allenatore della Juventus, dopo una cavalcata straordinaria e una rimonta stratosferica condita da 24 successi consecutivi interrotti solo dal pareggio del Dall’Ara per 0-0. Una stagione che era partita con altre premesse, dopo l’avvio peggiore in campionato della storia bianconera, con un solo punto nelle prime tre gare che lasciavano presagire una annata interlocutoria.

L’addio di Pirlo e Tevez non hanno scalfito la mentalità vincente della squadra di Allegri, ne ridotto la cifra tecnica di un sodalizio in grado di integrare al meglio il talento di Dybala e Mandzukic, seppure dopo un lento periodo di rodaggio. Un successo che ha fatto leva, ancora una volta, su una difesa granitica ancora una volta imperniata sul talento e l’esperienza di Barzagli, Chiellini e Bonucci, mentre Pogba ha dimostrato ancora una volta di essere un centrocampista di qualità eccelsa e di avere raggiunto la giusta maturità e continuità per proiettarsi nel firmamento dei giocatori più forti del pianeta. Conferme per lo straordinario talento di Marchisio, appiedato da un infortunio che lo priverà della gioia di disputare gli europei in Francia, ma che lo relega definitivamente tra i punti fermi di un mosaico perfetto, quello allestito da Allegri, che con nuovi innesti potrà competere ai massimi livelli mondiali.

Una citazione a parte merita lo straordinario talento di Paulo Dybala, al suo primo anno in un top club europeo, capace di non fare rimpiangere la classe e il talento di Tevez, con 16 reti, alcuni di pregevole fattura, nella sua prima stagione in bianconero.

L’unico neo stagionale l’eliminazione prematura in Champions League, a causa di quegli scellerati minuti finali dell’Allianz Arena che hanno impedito a Buffon e compagni di accedere verso un meritato quarto di finale. Eloquenti le parole di giubilo di Buffon, raggiante dopo il fischio finale all’Olimpico: ‘Questo è lo Scudetto che dà una gioia pari a quella del primo, del quinquennio, sicuramente, perché è stato uno Scudetto inaspettato visto che siamo partiti per colpe nostre con un handicap molto grande ed era impensabile riuscire colmarlo e festeggiare addirittura il traguardo a tre giornate dalla fine’.[/vc_column_text][/vc_column][vc_column width=”1/3″][bm_content_listing_23 category=”All Posts” tag=”juventus” show_read_more=”1″ count=”10″ hide_title=”0″][/vc_column][/vc_row]

Leggi anche

Young Boys Juventus pronostico, streaming, orario tv e probabili formazioni

Young Boys Juventus, la presentazione del match del gruppo H della Champions League Young Boys …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *