Home / Calcio / Fiorentina, da Cognigni duro attacco al Palazzo: ‘Ora basta, ogni anno è la stessa storia…’

Fiorentina, da Cognigni duro attacco al Palazzo: ‘Ora basta, ogni anno è la stessa storia…’

Mario Cognigni, il presidente esecutivo della Fiorentina, si è lasciato andare ad un durissimo sfogo contro la classe arbitrale che avrebbe maltrattato, a suo dire, il club gigliato in questa fase della stagione ma non solo. La goccia che ha fatto traboccare il vaso della pazienda di Cognigni è stata la direzione di Mazzoleni in Fiorentina-Empoli con la concessione di un rigore inesistente agli ospiti a tempo abbondantemente scaduto: ‘Ci prendiamo tutte le responsabilità tecnico-tattiche per la sconfitta di sabato – ha dichiarato Cognini alla Gazzetta dello Sport – contro l’Empoli, con tutto il rispetto per i nostri avversari, la Fiorentina doveva vincere. Non è la prima volta che soffriamo contro squadre che si chiudono. In diverse partite abbiamo risolto la gara nei minuti finali, stavolta il gol lo abbiamo subito. Ma resta un sapore amaro per il come è arrivato. Le nostre reti al 90’ sono state tutte regolari, il rigore dell’Empoli invece lascia qualche perplessità’.

Gli errori evidenti commessi da Mazzoleni sono stati bacchettati duramente anche dalla stampa nazionale. Non è la prima volta che questo direttore di gara finisce sulla graticola per errori marchiani.

“La stampa è stata unanime – ha proseguito Cognini – nel definire l’arbitraggio del derby disastroso. Errori tanto evidenti da sembrare persino strano che un team arbitrale possa commetterli. È un triste refrain che siamo stanchi di vivere. Da anni, ogni volta che la Fiorentina arriva nel rush finale a lottare per un traguardo c’è sempre qualche episodio clamoroso che ci frena. E di questo siamo stufi. Alcuni arbitri con noi sono particolarmente sfortunati. Abbiamo sempre reagito in maniera corretta, ma la compostezza non rende meno gravi errori che ci penalizzano. Il rigore negato alla Fiorentina, il rigore assurdo fischiato contro, l’espulsione di Kalinic che ci priva del nostro centravanti in un momento cruciale. Francamente è troppo. Vogliamo essere noi artefici del nostro futuro’.

Il presidente esecutivo viola evita però di usare la parola ‘complotto’, però si dice fortemente adirato per il trattamento subito dalla viola nei momenti chiave della stagione: ‘Non sto dicendo che c’è un complotto. Non voglio pensarlo. Ma non si può sempre tacere. Con toni pacati ma fermi invitiamo a guardare le statistiche e a buttare un occhio sugli anni passati. Troverete conferma a quello che sto dicendo’.

About Redazione

Check Also

Il ct Giampiero Ventura esonerato, Tavecchio: ‘Indisponibile a dimissioni’

Terminato il vertice federale, Ventura esonerato, Tavecchio resta Il vertice della Figc, convocato dopo la …

Un Commento

  1. A prescindere che la partita, con dei giocatori con la G maiuscola andava vinta anche 10 contro 11 , comunque la fiorentina, alla casta arbitrale ha dato sempre noia! Occorre che la presidenza non allarghi più le braccia ma che batta i pugni sul tavolo!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *