Home / Calcio / D’Amico chiama in causa la Fifa contro lo strapotere cinese: ‘Il fair play finanziario valga anche per loro’

D’Amico chiama in causa la Fifa contro lo strapotere cinese: ‘Il fair play finanziario valga anche per loro’

Il potere economico della Cina sta pervadendo anche il mondo del calcio europeo. Sono ormai tantissimi i giocatori di prestigio a livello internazionale, che hanno scelto proprio il campionato cinese, per via delle allettanti offerte, impareggiabili per molti club europei. L’ultima offerta sontuosa per un giocatore di serie A è giunta da un club cinese, destinatario Birsa del Chievo.

Qualche giorno fa, il Tjanin, aveva messo sul piatto 40 milioni di euro (e 10 mln di stipendio) per il bomber croato della Fiorentina, Nikola Kalinic. Di fronte all’avanzata cinese, il noto procuratore Andrea D’Amico, sulle colonne del quotidiano l’Arena di Verona, ha proposto di estendere i limiti del fair play finanziario anche alle squadre cinesi: ‘Il potere economico della Cina è infinito perchè fuori dal fair play finanziario, quindi non soggetto a rispettare certi parametri. Questo credo che meriti una riflessione all’interno della Fifa, ma ora come ora il calcio cinese può acquistare qualsiasi tipo di giocatore. Anche i migliori al mondo’.

Un fair play finanziario a livello mondiale potrebbe rappresentare il giusto contrappeso per ovviare all’enorme sperequazione di risorse a disposizione tra club cinesi e la maggior parte dei club del resto del mondo. La Cina vuole elevare il grado di spettacolarità del proprio campionato, anche tramite l’acquisto di giocatori di spessore internazionale. Pur rappresentando un mercato importante per il calcio italiano, che sta attingendo sempre più risorse dall’economia cinese, i rischi che il nostro campionato venga depauperato delle stelle di prima grandezza, con un esodo verso la Cina, è davvero reale.

La Cina è un acquirente che tende a sopravvalutare i talenti calcistici, pagando a peso d’oro giocatori di medio livello. Le loro offerte stanno inflazionando il costo medio dei giocatori, e il rischio che l’Italia possa perdere il crisma di approdo ambito da parte dei calciatori di spessore, sembra davvero ormai ad un passo dal diventare realtà.

About Redazione

Check Also

Champions League, Roma sconfitta in Ucraina per 2-1: Under ancora in gol

Roma bella solo a metà nella gara di andata a Karkhiv contro lo Shaktar Donetsk. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *