Home / Altro / Bollo auto, controlli più stretti con le nuove regole. Accertamenti sul pagamento

Bollo auto, controlli più stretti con le nuove regole. Accertamenti sul pagamento

Si tratta di protocollo d’intesa destinato a rappresentare un importante precedente: Regione Lombardia, Agenzia delle entrate e forze di polizia locali si sono messe d’accordo per iniziare una campagna di verifica del bollo auto non pagato. Le mire sono indirizzate in prima battuta alle auto con targa estera, storicamente poco in regola con il pagamento del bollo auto in Italia. Ma in realtà non ci sono paletti perché l’intesa raggiunta tra le parti prevede che gli uomini della Guardia di finanza, anche sulle base di quanto in possesso dalle forze dell’ordine, comunichino a Regione Lombardia i dati di tutti possessori di auto non in regola con l’obbligo fiscale.

La nuova fase operativa avrà la durata di un anno, tacitamente rinnovabile dalle parti alla scadenza e le parole del comandante regionale Lombardia della Guardia di finanza sono indicative. A suo dire la sottoscrizione di questo protocollo operativo costituisce una nuova declinazione della trasversalità dell’operato delle Fiamme gialle. Sono allora interessanti le prime rilevazioni perché svelano un tasso di evasione sia piuttosto elevato. Siamo davanti a un’imposta versata a livello locale e legata al possesso del mezzo e non al suo utilizzo.

Non solo controlli e accertamenti più stretti per il mancato pagamento dall’altra, le stesse regioni (il bollo auto non è una tassa nazionale) prevedono anche agevolazioni e sconti a determinate condizioni, sempre in ottica anti-inquinamento.

Leggi anche

Rugby, calendario test match Novembre 2018 della nazionale: i convocati

La presentazione dei test match di novembre 2018 della nazionale di Rugby allenata da O’Shea. …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *